Quali tipi di obiettivi esistono? Differenze, produttori e criteri di acquisto

This post is also available in: de-chDeutsch

L’obiettivo è – oltre alla macchina fotografica stessa – uno degli strumenti più importanti per un fotografo. La scelta dell’obiettivo più adeguato non è sempre semplice a causa delle numerose varianti disponibili e del numero di produttori presenti sul mercato.

In questo articolo vi daremo una visione d’insieme delle varie tipologie di obiettivi e dei produttori principali. Vi forniremo inoltre dei criteri da tenere in considerazione al momento dell’acquisto di un obiettivo fotografico.

Tipi di obiettivi ed elementi di differenziazione

In generale gli obiettivi si distinguono in base alla lunghezza focale e luminosità. Una volta definiti questi parametri, bisogna guardare ai campi di impiego dei diversi tipi di obiettivo. Di seguito verranno spiegati dettagliatamente i singoli tipi di obiettivo e le loro differenze.

Nell’articolo “Consigli per l’acquisto di un obiettivo” troverete informazioni dettagliati sulla lunghezza focale e sulla luminosità.

Obiettivi a lunghezza focale fissa vs. Obiettivi zoom

Gli obiettivi a lunghezza focale fissa sono obiettivi che – come dice il nome – hanno una determinata lunghezza focale e sono privi di zoom. Si tratta di obiettivi piccoli e compatti: di conseguenza risultano leggeri ed economici (partono da circa 110 CHF) in confronto ad altri tipi di obiettivo. Il grande vantaggio degli obiettivi a lunghezza focale fissa è l’alta luminosità e, di conseguenza, la migliore qualità dell’immagine in confronto agli obiettivi zoom. Lo svantaggio è che, a causa della lunghezza focale fissa, si è legati ad una specifica inquadratura. L’unico modo per il fotografo di modificare l’inquadratura è cambiare lui stesso posizione. Gli obiettivi a lunghezza focale fissa hanno una bassa profondità di definizione e sono di conseguenza adatti ai fotoritratti.

Gli obiettivi zoom sono assolutamente versatili grazie alla possibilità di modificare la lunghezza focale: il fotografo ha un obiettivo utilizzabile nelle più disparate situazioni che richiedono diverse lunghezze focali (ad esempio, foto ritratto vs. foto di paesaggi) ed ha di conseguenza ampio margine di manovra. In cambio della maggiore flessibilità con gli obiettivi zoom bisogna però rinunciare ad un po’ di qualità dell’immagine rispetto agli obiettivi a lunghezza focale fissa. Ad esempio, gli obiettivi zoom sono meno luminosi: più aumenta la lunghezza focale, più diminuisce la luminosità dell’obiettivo. Gli obiettivi zoom sono particolarmente comodi in viaggio, in quanto permettono di ridurre le dimensioni della vostra attrezzatura da viaggio grazie all’eliminazione di teleobiettivi o grandangoli aggiuntivi.

verschiedene Kamera-Objektive in einer Zusammenstellung

Obiettivi specializzati: Teleobiettivi, Grandangoli e Obiettivi Macro

Oltre alla classificazione tra obiettivi a lunghezza focale fissa e obiettivi zoom, esistono obiettivi che per le proprie caratteristiche si distinguono da quelli standard.

I teleobiettivi hanno un’ampia lunghezza focale (con valori compresi tra i 70 mm fino a oltre 1000 mm). Disponibili sia come obiettivi a lunghezza focale fissa sia come zoom, permettono l’ingrandimento di oggetti molti lontani. Questi obiettivi riducono la profondità dell’ambiente rispetto, ad esempio, ai grandangoli, dando la sensazione di una minore distanza dall’oggetto raffigurato e comprimendo l’immagine. A causa del loro forte peso, i teleobiettivi dovrebbero essere utilizzati con un treppiedi. Tra i possibili campi di impiego citiamo la fotografia di animali e sportiva.

Gli obiettivi grandangolari (o, più semplicemente, grandangoli) hanno una lunghezza focale inferiore ai 50 mm e garantiscono, a pari distanza dall’oggetto, un’inquadratura più ampia rispetto agli obiettivi standard. Vengono venduti principalmente come obiettivi zoom e, in base al modello, coprono una gamma di lunghezze focali dai 10 ai 35 mm. Rispetto ad un teleobiettivo, i grandangoli ottengono con la stessa inquadratura una maggiore profondità: in questo modo le distanze tra i singoli oggetti sull’immagine vengono riprodotte meglio. Minore la lunghezza focale dell’obiettivo, maggiore sarà l’effetto di “vignettatura” (margini scuriti della fotografia). Tra i vari campi di applicazione, questi obiettivi vengono impiegati nella fotografia naturalistica e d’architettura.

Gli obiettivi macro sono ottimizzati per la fotografia a distanza ravvicinata e rappresentano l’oggetto raffigurato con una scala di 1:1 o 1:2. Sono disponibili sia come obiettivi a lunghezza focale fissa sia come obiettivi zoom con lunghezze focali tra i 40 ed i 200 mm. Rispetto agli obiettivi standard, si distinguono per una distanza minima di messa a fuoco inferiore. I principali svantaggi sono i prezzi alti e il peso. Tra i possibili campi di impiego degli obiettivi macro ricordiamo la fotografia di dettagli e di piccoli animali.

Specializzati per i panorami: Obiettivi Fish-eye

L’obiettivo fish-eye (letteralmente “occhio di pesce” è un obiettivo speciale nell‘ambito dei grandangoli che permette di ottenere un campo di visione fino a 180°. Questo obiettivo piega verso l’esterno la linea al centro della foto, formando un’immagine tondeggiante. Gli effetti sono distorsioni, stiramenti e deformazioni a forma di a “barilotto” che rendono l’utilizzo del fish-eye interessante soprattutto nel campo della fotografia di panorami.

Meerblick vom Strand aufgenommen mit einem Fischaugenobjektiv

Produttori di obiettivi

La scelta di un nuovo obiettivo include anche la decisione sul produttore. In generale i produttori di macchine fotografiche più famosi come Canon, Nikon o Olympus mettono a disposizione degli obiettivi per le fotocamere di loro produzione. Esistono inoltre dei produttori specializzati in obiettivi, come Leica, Voigtländer o Zeiss. Gli obiettivi dei produttori fotocamere sono disponibili sono con il sistema proprietario di innesto sulla fotocamera. Nel caso di obiettivi fabbricati da produttori specializzati, invece, si può scegliere un obiettivo con vari tipi di innesto dopo aver cercato il tipo di innesto adeguato per la propria macchina fotografica.

Aiuto nella scelta dell’obiettivo

Per concludere, vogliamo elencarvi tre criteri da tenere in considerazione al momento della scelta di un nuovo obiettivo, in modo da essere sicuri di acquistare quello più adatto alle vostre esigenze. Potete inoltre trovare un paragrafo sul tema della gamma di prezzi degli obiettivi nell’articolo “Consigli per l’acquisto di un obiettivo”.

Compatibilità con le fotocamere

Un elemento importante nella scelta dell’obiettivo è il rispettivo sistema di innesto sulla fotocamera. Quello di gran lunga più utilizzato è l’innesto a baionetta, disponibile in numerose varianti in base alle modifiche apportate dai vari produttori. Nella tabella qui di seguito trovate vari esempi di varianti di innesto a baionetta. Prima dell’acquisto di un nuovo obiettivo, dovete assolutamente informarvi se questo sia compatibile con la vostra macchina fotografica.

Produttore Nome dell’innesto a baionetta compatibile
Canon Baionetta EF
Nikon Nikon-F, Nikon-1
Pentax Baionetta K
Olympus Standard Quattro Terzi (Four Thirds)
Sony Baionetta E

Oltre agli innesti a baionetta esistono tra le macchine fotografiche più vecchie o tra quelle per usi industriali anche degli innesti a vite come, ad esempio, lo Standard M-42.

Campo di impiego

Al momento dell’acquisto di un obiettivo è anche importante sapere per quale scopo verrà utilizzato. Ad esempio, se si ha bisogno di un obiettivo versatile, per i motivi sopra esposti bisognerà ricorrere ad un obiettivo zoom. Se si desidera avere un obiettivo specialistico per ottenere una qualità fotografica ancora più alta, si consiglia uno dei tipi di obiettivi sopra citati in base al campo principale di impiego. Se avete fino ad ora lavorato solo con obiettivi zoom e volete vedere fino a che livello potete elevare la qualità delle immagini, dovrete cercare il giusto obiettivo a lunghezza focale fissa. In questa caso si consiglia di iniziare con obiettivi con lunghezza focale fissa di 50 mm.

Distanza minima di messa a fuoco e filetti di innesto per filtri

Altri importanti criteri di scelta sono la distanza minima di messa a fuoco e il filetto per i filtri. Come suggerisce il nome, la distanza minima di messa a fuoco è la distanza tra soggetto e lente della fotocamera al di sotto della quale non è possibile mettere a fuoco il soggetto. Se volete scattare fotografie ravvicinate dell’oggetto da immortalare, dovete aver bene in mente qual è il valore minimo da mantenere.

Consiglio: La distanza minima di messa a fuoco può essere migliorata grazie all’utilizzo dei cosiddetti anelli di estensione o tubi di prolunga, che si applicano tra la fotocamera e l’obiettivo.

È importante fare attenzione alle indicazioni per il filetto di innesto per filtri, se avete già preso dei filtri ottici per il vostro obiettivo precedente. Se il vecchio ed il nuovo obiettivo hanno le stesse dimensioni di filetto, potete usare i vecchi filtri anche sul nuovo obiettivo.

Consiglio: Utilizzando un adattatore per filtri è possibile rendere compatibili filtri e obiettivi di diverse dimensioni. Questi adattatori possono ad esempio venire usati per applicare grossi filtri a filetti più piccoli.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.